giovedì 31 maggio 2012

Burgers buns: i panini per hamburger fatti in casa









Alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, non ha mangiato un hamburger al Mc Donald's! Non sono molto sani eh? :-)
Io personalmente non ne vado matta, e credo che l'ultima volta che ne ho mangiato uno ero una ventenne spensierata, con gli esami da dare all'università e tanti sogni in tasca!
Sono rimasti nel mio immaginario come qualcosa di "trasgressivo" perchè mia mamma non era mica contenta che mangiassi al fast food (omettevo di dirle dove ero stata!) e al tempo stesso hanno il sapore dei sogni di quei tempi!
Quando ho scovato la ricetta dei panini tipo Mc Donald's  di Paoletta non ci ho pensato su due volte e ho voluto provare!

mercoledì 30 maggio 2012

Gelato al cioccolato kinder

Ok, ok lo so... poi la smetto di postare "roba" dolce! :-) promesso!
Quest'anno ho rimesso in funzione la gelatiera che avevo dimenticato in uno scaffale della cucina. Non è che non mi piaccia fare il gelato in casa, anzi! Il mio problema è più di tipo "logistico" perchè devo mettere il cestello nel freezer e occupa molto spazio vitale!
Quest'anno però mi sono ripromessa di subaffitare a questo aggeggio uno spazietto tutto suo! :-))
In effetti basta veramente pochissimo tempo per preparare un ottimo gelato, che costituisce una bella e soprattutto sana merenda per i più piccoli! E poi è economico e di questi tempi non guasta!
Ho utilizzato il cioccolato kinder delle uova di pasqua (ne ho ancora 2 Kg circa da smaltire!!), per questo non ho messo zucchero*, secondo me questo tipo di cioccolata è già troppo dolce, se volete però potete aggiungerlo ma non più di 30-40g. Inoltre ho usato solo latte intero fresco perchè così è più leggero, ma naturalmente se si vuole si può utilizzare anche la panna*(indicata tra parentesi)!



mercoledì 23 maggio 2012

Salsa al caramello salato o salsa mou

Questo è un altro post da riciclo... della serie "cosa fare per non buttare"... Il fatto è che per la festa della mamma avevo comprato 2 confezioni di panna per fare un dolce, ma poi il dolce mi è stato gentilmente regalato già fatto (lol!) e così la panna è rimasta inutilizzata. Una confezione se n'è andata per fare il gelato, e come avrà notato qualcuno che mi segue su instagram, con la crema cotta al forno alla cannella, ricetta ormai ultracollaudata di Veru la cuochina.
L'altra confezione invece è rimasta lì, poi su mi sono ricordata di aver visto qui e qui questa salsa al caramello salato...ahhh e come dimenticarla?? Per una come me che mangerebbe tonnellate di caramelle alpenliebe senza un briciolo di sensi di colpa, queste cose restano "scolpite nella mente"!
Vi avverto, se state facendo qualche dieta, non leggete oltre perchè questa crema-salsa è davvero pericolosa! Se invece volete farvi del male, leggete pure ma a vostro rischio e pericolo... :-)
La ricetta è un mix delle due che vi ho indicato sopra più un mio contributo, ho utilizzato una percentuale di panna

domenica 20 maggio 2012

Biancomangiare

Cosa fare quando in frigo c'è del latte prossimo a scadenza? Semplice! preparare il biancomangiare.
E' un dolce molto semplice e al tempo stesso ottimo, si presta a molte variazioni anche per chi soffre di intolleranze alimentari e proprio per la sua delicatezza è molto adatto ai bambini,  infatti non ci sono uova ed è possibile offrirlo già dopo l'anno di età se si è introdotto il latte vaccino. 
Le origini di questo dolce sono molto antiche, si ipotizza che sia di derivazione araba o provenga dalla Francia del XII secolo, quando la "dieta bianca" andava molto di moda ed era consigliata per prevenire e curare diverse "indisposizioni". A quei tempi però non era ancora un dolce, veniva realizzato con petti di pollo o di cappone, mandorle, latte e lardo, solo in un secondo momento il latte, lo zucchero e le mandorle sostituirono la carne per la gioia dei malati più golosi. 
Ne esistono due versioni: una in cui si utilizza il latte vaccino e una in cui questo è sostituito dal latte di mandorle. La mia è la versione con il latte.


mercoledì 16 maggio 2012

Arepas Venezuelane

Dopo l'Argentina, la Cina, ed il  Messico oggi vi porto in Venezuela a mangiare arepas!
Eh già ma che cosa sono? In pratica dei piccoli pani schiacciati ottenuti con la farina di mais (bianco o giallo), acqua, sale,un pò di burro o olio cotti su piastre roventi, al forno o fritti.
Si mangiano tal quali o farcite, il ripieno più comune è quello con queso (formaggio) e jamòn (prosciutto) ma si può mettere dentro di tutto e di più! :)
Sono davvero semplicissime da realizzare, salvano la cena in pochissimo tempo, specie quando ci si accorge troppo tardi di non avere più pane in casa e soprattutto, cosa non poco importante, la cucina si sporca pochissimo: solo una ciotola ed una padella antiaderente.
Nella preparazione ci si può fare aiutare tranquillamente dai piccoli chef che si divertiranno tantissimo a fare le palline di impasto e a schiacciarle!
A piccolapeste sono piaciute tantissimo, croccanti fuori e morbide dentro con tanto formaggio filante che lei adora!
La ricetta l'ho presa dal volume "Sud America, Messico, Caraibi e Nord America" dell'enciclopedia della cucina internazionale di La Repubblica

lunedì 14 maggio 2012

Svezzamento: l'ora della merenda, arancia Bellavista

Probabilmente l'avrete già capito da tanto tempo, io non sono una di quelle mamme che preferiscono utilizzare alimenti per l'infanzia già pronti. Oddio, non sono una talebana, per emergenza è capitato di comprarne, ma...per me è sempre meglio utilizzare frutta fresca e di stagione.
Qui in Sicilia le arance non mancano, e il consumo da parte dei bambini è importantissimo per il loro contenuto di vitamina C, perchè protegge dalle infezioni e perchè  facilita l'assorbimento  del ferro contenuto in altri alimenti, da parte dell'organismo.
A Gnucco il succo d'arancia puro o diluito proprio non va giù, però basta "girare un pò le carte", aggiungere una banana e un cucchiaino di confettura di pesche della nonna, che le cose cambiano notevolmente!
Inoltre questo frullato si presta a molte variazioni, alcune le ho riportate dopo il procedimento, e confesso che è ottimo non solo per i più piccolini!
La ricetta l'ho presa dal libricino "voglio la pappa" della Sfera editore ed è adatta per i bimbi dall'anno di età in poi.



domenica 13 maggio 2012

Polpettine di alici profumate al limone cotte al forno

E dopo la pasta con le alici di domenica scorsa, mi sembra giusto postare oggi che è domenica, un'altra ricetta con questo delizioso pesce azzurro! :-)
Questa volta però parliamo di un secodo, che per i più piccoli, può diventare tranquillamente un comodissimo piatto unico dato che contengono anche una buona dose di carboidrati fornita dalle patate e dal pane grattugiato.
A proposito dei più piccolini, il mio pediatra mi ha consigliato di offrire il pesce azzurro solo verso i 20-24 mesi perchè è di difficile digestione ed è più allergenico rispetto ad altri tipi di pesce.
Piccolapeste, oltre ai biscottini "a forma di pesce", adora queste polpette... e come darle torto?
Io le cuocio nel forno con poco olio, ma se volete potete anche friggerle!
In ogni caso fritte o meno vi assicuro che sono buonissime e sono "misteriosamente" sparite mentre cercavo invano di fotografarle! :-) 




sabato 12 maggio 2012

And the winner is...

Eccoci qui ad annunciare il fortunato fra di voi che avete partecipato alla festa per il mio primo blog-compleanno e che riceverà in dono il libro di Montersino, Golosi di Salute!
Ringrazio veramente tutti per la partecipazione!
Alle 20 ci sono state le estrazioni del lotto, sapete già chi ha vinto? ^_^ Io si!
Siete curiosi?
Allora...il primo numero estratto sulla ruota Nazionale dell'estazione del lotto di oggi sabato 12/05/2012
è

venerdì 11 maggio 2012

Frittata di asparagi selvatici al forno... in camBIO!

Prima di tutto voglio ringraziarvi tutti per i bellissimi commenti che mi avete lasciato in questo post! :) Non vi ho risposto lì per non impazzire nell'assegnazione dei numeri!
Vi ricordo che sarà possibile partecipare fino a questa sera e fino al raggiungimento del novantesimo partecipante. Attualmente siamo arrivati a 87, suvvia ci sono altri posti liberi!! Affrettatevi!  ;-) Il libro di Montersino, Golosi di salute, potrebbe essere vostro!
E ora passiamo alla ricetta!
No, non sono impazzita a proporvi una semplice frittata!
Perchè non è proprio semplice... prima di tutto non è fritta, è cotta al forno senza olio e quindi è sana e "light", poi perchè per farla ho utilizzato ingredienti BIO, a partire dagli asparagi selvatici provenienti dai monti Peloritani.
E poi, checchè ne dica mio marito il "siculo" a cui proprio non piace (non fa testo odia gli asparagi) è veramente, ma veramente buona! :-)
Per chi non lo sapesse, gli asparagi selvatici o anche "asparagina" sono più sottili e più legnosi del tipo domestico, perciò vanno mondati un pò di più. Sono però più pregiati ed hanno un sapore molto intenso, e "la morte

domenica 6 maggio 2012

Pasta cu l'ancioi e 'a muddica alla siciliana (pasta con alici e mollica tostata)

Mentre sto scrivendo questo post mi sto rendendo conto di quanto in dieci anni la cultura culinaria siciliana (e non solo questa) mi sia entrata nel cuore. Basta vedere i miei post: ci sono più piatti siculi che napoletani! 
E vabbè...me ne farò una ragione! ;-)
Questa ricetta mi è stata insegnata, come tutte le preparazioni a base di pesce, da mia suocera che come vi ho già raccontato quanto a pesce ne sa una più del diavolo!
Non potete immaginare la bontà delle sue polpette di pesce spada...prima o poi le farò ma non sarà mai la stessa cosa! 
Passiamo alla pasta cu l'ancioi e 'a muddica (prima di scrivere, mi sono ampiamente documentata eh!? se è sbagliato prendetevela con il siculo).  
Si può preparare in tanti modi: con le acciughe salate o fresche, "bianca" o "rossa"(con il concentrato di pomodoro o con i pomodorini freschi), con le foglioline di menta o con il prezzemolo, con o senza peperoncino, con la mollica tostata con o senza olio: insomma in qualsiasi modo lo vogliate preparare, questo piatto di pasta, all'apparenza molto povero, non vi deluderà ma vi sorprenderà per la delicatezza del sapore e per il contrasto sotto il palato dato dalla mollica tostata.

venerdì 4 maggio 2012

Un anno di blog! E' ora di festeggiare!

Evviva! è così che ho iniziato il primo post esattamente un anno fa!
E' passato un anno intero e quasi non me ne sono accorta!


140 post
306 followers
2091 commenti
più di 64700 visite
tantissime, forse troppe fotografie!

WOW!!

giovedì 3 maggio 2012

la granita al cioccolato per Vera

Non so da voi ma qui in Sicilia è iniziata la "stagione", quella bella, quella dei bagni, del sole, del caldo e di conseguenza anche dei gelati e delle granite!
In effetti fare colazione inzuppando una bella brioche "col tuppo" in un bicchiere colmo di granita al cioccolato (quella siciliana eh!?) e panna ti fa dimenticare qualsiasi problema.
Probabilmente se non fosse stato per il contest di Vera "La poesia del cioccolato" non avrei neppure provato a realizzarla a casa.
Per lei, che è bravissima, avevo intenzione preparare qualcosa di molto "cioccolattoso" ma al tempo stesso fresco, senza dover accendere il forno! Proprio per questo ho pensato alla granita: il gusto del cioccolato è vellutato e fresco ma non come nel gelato... è qualcosa di diverso, è puro perchè non è stemperato dal latte e dalla panna ma c'è anche la cremosità data dal cioccolato fondente.  E poi è una cosa semplice e chi l'ha detto che le cose tanto semplici non siano altrettanto buone? :-D
Unico neo: crea fortemente dipendenza! Poi non dite di non essere stati avvertiti!! ! :-)
Credo che la citazione che più si addica ad accompagnare
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ultimi post: