giovedì 28 giugno 2012

Il Pan di Spagna perfetto: alto, leggero spugnoso e compatto grazie all'amido di grano

Mi sono accorta di non aver ancora postato la ricetta del Pan di Spagna, una delle basi classiche più utilizzate in pasticceria per la preparazione di torte farcite, insieme alla pasta margherita, la pasta sfoglia e la pasta frolla.
A quanto pare l'invenzione di questo dolce soffice e leggero, risale alla seconda metà del 1700 quando il cuoco genovese Giobatta Cabona, inviato alla corte del re di Spagna al seguito del marchese Domenico Pallavicini lo presentò in un occasione di un banchetto.

domenica 24 giugno 2012

Polpettine di pollo allo yogurt per una giornata in spiaggia

Ho la fortuna di abitare a soli 8 minuti di macchina (cronometrati eh!) da una spiaggia molto bella dove porto i bambini quasi tutti i giorni, e proprio per questo mi capita raramente di mangiare al mare perchè da queste parti proprio non si può stare in spiaggia all'ora di pranzo, fa troppo caldo specie per i bambini piccoli come i miei! 
Per cui  andiamo o la mattina presto e torniamo a casa intorno alle 11 o nel pomeriggio e ci stiamo ben oltre il tramonto! 
Bella vita penserete voi! Se non fosse che arrivo la sera davvero stremata! -.-'
In ogni caso, se proprio dovesse capitare di restare al lido per pranzo, cerco di portarmi dietro, sempre nelle borse termiche, scorte di acqua, tanta frutta e cibi molto semplici e leggeri che fungano da piatto unico e che possa mangiare tranquillamente anche il piccolino di casa! 
Oltre alle classiche freselle con il pomodoro che però piacciono solo a me, le polpettine di pollo sono un'ottima soluzione, cotte in forno, molto molto morbide per la presenza dello yogurt usato al posto delle uova, con un pochino di verdurine occultate, una buona dose di

venerdì 22 giugno 2012

Yogurt cremoso home made con la yogurtiera

E' da tanto tempo che cerco di preparare lo yogurt in casa, posso dire di aver provato tutte le ricette presenti in rete e tutti i metodi, nel forno con la luce accesa, nella pentola, nel thermos, nella borsa termica ma, dopo tanti sbattimenti ogni volta i risultati sono stati pietosi... per non dire peggio! :-)
La svolta è arrivata dopo aver portato a casa la yogurtiera approfittando di un'offerta, e da quel giorno ogni 2 o 3 giorni produco 1 kg di yogurt davvero buonissimo.
Ci sono alcuni accorgimenti da seguire:
#pulizia
Bisogna essere molto scupolosi con la pulizia delle mani, dei barattolini di vetro e di tutti gli utensili che si andranno ad utilizzare, per evitare eventuali contaminazioni batteriche
#qualità del latte
Se il latte di partenza è di ottima qualità il risultato sarà sorprendente! Dal latte intero si ottiene uno yogurt molto compatto, mentre non si ottengono gli stessi risultati utilizzando del latte parzialmente scremato, cosa che va ricondotta alla percentuale di proteine presenti.
Per ragioni pratiche preferisco utilizzare il latte UHT a lunga conservazione e a temperatura ambiente, perchè in questo

domenica 17 giugno 2012

Clafoutis aux cerises

L'estate, les temps des cerises!
L'altro giorno avevo tante ciliegie non più freschissime, perfette per fare un dolce!
E così con piccolapeste, come al solito, ci siamo messe a sfogliare un libro e questa volta la mia piccola aiutante ha scelto proprio il clafoutis, attirata dalle ciliegie immerse nell'impasto, chiamandola "torta a pois" !
Il clafoutis è uno di quei dolci che ho sempre visto sui libri ma che non avevo mai fatto nè assaggiato: devo dire che mi ha sorpreso molto, morbido e dolce al punto giusto con quella nota fresca e golosa data dalle ciliegie.
La ricetta originale francese, infatti questo dolce è tipico della regione del Limosino, prevede l'utilizzo di ciliegie nere non snocciolate perchè  a quanto pare i noccioli  hanno la funzione importante di mantenere il succo e conferire al dolce un aroma particolare... ma dato che il dolce era destinato principalmente alla merenda dei bimbi ho preferito toglierli.




venerdì 15 giugno 2012

Svezzamento: fili d'angelo alla marinara

Oggi per la rubrica svezzamento, vi propongo un piattino molto semplice e che il mio bimbo apprezza molto! Gli spaghettini conditi con una specie di sugo di pesce! Io ho potuto introdurre il  pomodoro solo dopo l'anno perchè lo gnucco ha diversi problemi di allergie, ma da quando il signorino l'ha assaggiato non vuole mangiare altro! :-)
Eh già, perchè arriva un momento che anche i mangioni come lui attraversano un periodo "monopappa". Quello che fino a ieri mangiava con piacere ora lo rifiuta con determinazione... e non c'è niente da fare! Non riesco neppure a farglielo assaggiare!
Dovreste vedere che tipetto! Quando mi avvicino con il piatto, si affaccia dal seggiolone per sbirciare, se è di suo gradimento bene... altrimenti iniza ad urlare no! no! e a scuotere la testa da una parte all'altra...avete capito con chi ho a che fare?? O_o'
Comunque ho letto da qualche parte che questo comportamento è conosciuto come "monofagia", ed è dovuto al fatto che i piccoli cominciano ad esprimere le loro preferenze (in maniera esagerata aggiungerei!). Ok! Ma cosa bisogna fare? I piccoli non vanno contrastati ma

mercoledì 13 giugno 2012

Mercoledì social: Emilia mon amour, brazadèla, buslàn o semplicemente ciambella!

Micol e Cecilia del blog Muffin e dintorni, hanno deciso di dedicare il loro mercoledì social ad una raccolta di ricette emiliane, Emilia mon amour, per far conoscere il più possibile le eccellenze gastronomiche ed i piatti tipici della regione. Tutte le ricette pervenute entro il 27 giugno, verranno inserite in un ebook, e con i proventi ricavati dalla sua vendita sarà possibile dare un aiuto concreto a chi è stato colpito dal sisma. Su twitter è possibile seguire l'iniziativa con l'hastag  #foodbloggerperlEmilia.
Non potevo esimermi dal dare un piccolo contributo!
Ho voluto scegliere la ciambella casereccia di pasta dura, perfetta per la colazione o da intingere nel vino, un dolce classico, semplicissimo, appartenente alla cucina povera contadina, ma al tempo stesso ottimo, che sa di altri tempi, fatto con pochi ingredienti miscelati sapientemente: le uova, la farina, il latte e il burro. 
La ricetta che vi propongo l'ho presa dal libro "Pane e roba dolce" delle mitiche Sorelle Simili, qui viene chiamata ciambella casereccia, ma è nota anche con diversi nomi dialettali, come buslàn, bensone, belsone oppure brazadèla.
Questo dolce, che può essere tondo con il buco al centro o a forma di filone, veniva fatto solitamente a novembre nel

domenica 10 giugno 2012

La pizza in teglia a lunga maturazione condita alla messinese

Ed eccomi di ritorno dopo tanti giorni di assenza!! Oggi pizziamo! :-)
Piccola premessa:
Sono sempre stata snobbina con la pizza, per me  quella "vera" è solo una, la margherita cotta nel forno a legna, e con la legna giusta, fatta con gli ingredienti della mia terra dalla mozzarella di bufala, al pomodorino del piennolo del Vesuvio, con il cornicione bruciacchiato pieno di bolle e quella fogliolina di basilico che contribuisce a darle quel profumo e quel gusto inconfondibile che solo la vera pizza napoletana può avere!
Inutile dirvi che da quando vivo in Sicilia, mi sono rassegnata e ho smesso di mangiarla in pizzeria, perchè sarebbe l'ennesima delusione, una volta al posto del pomodoro ci hanno messo il ketchup, poi invece della mozzarella usano una cosa obbrobbiosa che qui chiamano "filante", altre volte ho dovuto litigare con il pizzaiolo che non voleva mettermi il basilico perchè secondo lui si bruciava, e in tutti i casi è sempre la stesso disco che fa din nel piatto tanto che è duro e croccante... :-(( Non c'è nulla da fare, ogni regione ha le sue specialità! Ed è giusto che
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ultimi post: