martedì 26 luglio 2011

ricotta infornata & pesche tabacchiera caramellate

La storia di Kira e Chiara
Kira amava tantissimo danzare sulle note dello Schiaccianoci di Tchaikovsky. Tutti i giorni, sempre alla stessa ora, l'inquilino del piano di sopra la faceva suonare nel suo stereo e lei tutti i giorni indossava il suo tutù preferito, le sue scarpette per andare sulle punte, tendeva le orecchie e aspettava: si sentivano i passi di quel signore alto sul parquet, la porta che si apriva, la poltrona che si spostava e il rumore della pipa che veniva poggiata sul posacenere.
E poi finalmente partiva la musica e Kira si sentiva trascinata via da quel mare di note e  incominciava a ballare sognando di essere un'etoile della danza. La sua mamma le diceva che doveva proprio smetterla con queste stupidaggini e che doveva tornare con la testa e con i piedi per terra, ma Kira non l'ascoltava! Non l'ascoltava mai, neanche quando la mamma le diceva di non allontanarsi troppo di casa... perchè fuori era pericoloso. 
Se c'era un'altra cosa che Kira adorava, quella era il formaggio: lei mangiava solo ed esclusivamente formaggio, ma non c'è niente di strano in questo, perchè Kira era una topolina! Ed era anche molto molto carina: era tutta bianca con il nasino rosa e in testa portava un sottilissimo nastrino color pesca, dello stesso colore del suo tutù. Un giorno Kira aveva molta fame e a casa sua, che si trovava sotto il pavimento dell'appartamento di quel signore alto che metteva la musica, non c'era niente da mangiare... e la sua mamma era uscita per delle commissioni... mmmm che fare? aveva veramente troppa fame, così decise che sarebbe andata a fare un giro nella grande casa, tanto la sua mamma non se ne sarebbe mai accorta! (e qui piccolapeste grida sempre noooo!!! Kira!!! non si disubbidisce alla mamma!!!) 
E così la nostra piccola topolina bianca si mise una giacchetta e si arrampicò su per una cordicella che la portò ad una porticina.... era molto emozionata ed aveva quasi paura a varcare quella piccola porta, ma si fece coraggio, sopratutto perchè il suo pancino brontolava forte forte, e uscì. Che meraviglia! Tutto era così meravigliosamente enorme! Non si era mai sentita così piccola, ma non per questo si scoraggiò e guidata dal suo olfatto arrivò fino in cucina dove si nascose in un cantuccio. Lì c'era una bambina, seduta su una sedia, con i piedi lunghi lunghi e che faceva tanti capricci con la sua mamma perchè si ostinava a darle il formaggio, ma a lei il formaggio proprio non piaceva, lo detestava!! "Chiara", diceva quella mamma, "per favore per lo meno assaggialo, non puoi dire che non ti piace se non lo hai mai assaggiato" "No, no e poi no!" diceva la bimba schizzinosa... e mentre faceva i capricci vide la piccola Kira nascosta.... "Mammina, c'è un topolino tutto bianco con un tutù color pesca!!" "Ma che dici Chiaretta!!!", rispose la mamma," per te tutte le scuse sono buone per non mangiare"... "ma mamma..." "su, ora basta, mangia almeno le pesche e poi puo andare a giocare!" E così la bambina mangiò di corsa e poi andò a cercare Kira che nel frattempo si era nascosta. Quando la trovò, la topolina era spaventatissima: "Ti prego!! Non farmi del male... io ho solo tanta fame..." Chiara era una bambina molto buona, anche se un pò capricciosa, e capì subito che quella strana topolina voleva del cibo e così sgattaiolò in cucina dove prese un pò di formaggio e delle pesche caramellate che la sua mamma aveva perparato per fare una torta... Kira la ringraziò e mangiò tutto il formaggio, ma le pesche... proprio  no!!! Poi giocarono tanto e quando il nonno di Chiara andò nel salotto per leggere il giornale e ascoltare la musica, la piccola Kira non potè trattenersi, la musica era troppo forte e la danza era più forte di lei, così incominciò a danzare... Chiara la guardava incantata e Kira le insegnò come fare le piroette: si divertirono tanto. Poi quando fu ora per la topolina di tornare a casa, la bambina la accompagnò alla porticina e si salutarono dandosi appuntamento per l'indomani.
Ogni giorno Kira e Chiara si incontravano, giocavano insieme, ballavano quando il nonno metteva la musica e ogni giorno la bambina le faceva trovare il formaggio, finchè un giorno le due fecero un patto: la bambina avrebbe dovuto assaggiare il formaggio e la topolina le pesche. Meraviglia delle meraviglie, a tutte e due piacque molto la novità e ancora di più l'accostamento del formaggio con le pesche caramellate!! Una vera prelibatezza!! Il giorno dopo a tavola la bambina chiese alla mamma le pesche con il formaggio: la mamma non non si capacitava dei gusti strani della figlia, ma la accontento! "ma dove ti vengono queste idee strampalate bambina mia?" "Sai mamma, ieri io e Kira lo abbiamo assaggiato e ci è piaciuto molto, perchè non lo provi pure tu?" "Kira chi??", la mamma continuava a non capire... "Ma sai che è proprio buono?" disse il nonno, che sapeva tutto, facendole l'occhiolino, e allora la bambina rise felice, ricambiò l'occhiolino e non fece più capricci quando doveva assaggiare qualcosa di nuovo, perchè capì che anche se si ha un cibo preferito, è bene assaggiare tutto: e poi chi l'ha detto che il formaggio è buono solo con le pere?




 Ingredienti per 4 persone:
  • 600 g ricotta infornata, quella fresca
  • 8 pesche tabacchiera
  • 4 cucchiai di zucchero semolato
  • 2 cucchiai di burro
  • 1 pizzichino di sale
  • succo di mezzo limone BIO più lascorza grattugiata 




    Procedimento:
    Questa ricetta è facilissima e velocissima, gli ingredienti principali sono tipici della Sicilia: la ricotta infornata e le pesche tabacchiera. Di ricotta infornata ne esistono di due tipi a seconda di quanto è stata nel forno: quella più dura, tipo stagionata, che si usa grattugiata per condire per esempio la pasta alla norma, e quella fresca, dalla consistenza morbida e cremosa e il gusto dolce.
    Le pesche tabacchiera invece, prima di venire a stare in Sicilia, non le avevo mai viste (...scusate l'ignoranza e non vi dico le risate di mio marito quando io non riuscivo a capirne il nome), sono delle piccole pesche dalla forma schiacciata, di polpa bianca o gialla e di un profumo e una dolcezza incredibile!!



    Prima di tutto tagliare la ricotta in fettine sottili e disporle nei piatti.
    La ricetta della caramellatura, l'ho presa come al solito dal cavoletto,! Solo che lei ha caramellato i fichi, io queste belle peschine.
    In una padella antiaderente fare caramellare il burro insieme allo zucchero, quindi aggiungere il succo e la scorza del limone, un pizzichino di sale e le pesche pelate e tagliate in piccoli quarti. Se volete aggiungete anche uno o due di chiodi di garofano, secondo me ci stanno benissimo, purtroppo mi sono accorta troppo tardi di averli finiti!


    Lasciare caramellare per qualche minuto le pesche, se serve aggiungere un pochino di acqua, fino a quando non avranno assunto un bel colore ambrato, e servire sulle fettine di ricotta.



    24 commenti:

    1. Che bello questo abbinamento....questa varietà di pesche in effetti non la conosco, o meglio l'ho già vista in giro su riviste e libri ma non ho mai avuto il piacere di assaggiarle. Farò un giro al mercato, anche se sono un pò lontanuccia dalla Sicilia, magari le trovo????

      RispondiElimina
    2. Queste pesche le ho conosciute in Spagna e poi cercate qui in Italia...sono buonissime....e questo abbinamento mi incuriosisce un bel pò! Un bacio

      RispondiElimina
    3. Bellissimo questo abbinamento! Io purtroppo ho un'allergia alla pelle delle pesche per cui quando devo usare questo tipo di pesche "pelose" mi devo far aiutare da qualcuno che elimini del tutto lo strato esterno. Però le adoro, ne mangerei a quintali!

      RispondiElimina
    4. wow...che fantastica ricetta...davvero bravissima, nella spiegazione, nei passaggi e poi nella preparazione del piatto....davvero molto molto invitante!
      complimenti!!!!
      a presto,
      ciaoooooooooooooooo

      RispondiElimina
    5. @Artù: non so se puoi trovare... io prima di stare qui in sicilia non le avevo mai viste!!!
      @Gianni: benvenuto!! :)
      @Veru: Grazie!!! :D mi sa mi sa che tu stai messa peggio di me con le allergie eh!?
      @Sgt.Pepper: Ciao!! grazie per i complimenti!! Eppure è un piatto semplice e molto molto veloce!!

      RispondiElimina
    6. Che buone e belle quelle pesche...!!Anche gli sbergi non si trovano quissù ma sono buonissimi! Ce n'è rimasto un pò per me?Una cucchiaiata mi basta!;)
      Vevi

      RispondiElimina
    7. Ce n'è un pò per me??Queste pesche sono bellissime, anche gli sbergi (non so se li conosci) si trovano solo in sicilia purtroppo!!:(
      Vevi

      RispondiElimina
    8. Ciao Vevi! Si anche le pesche sbergie sono particolarmente buone e dolcissime!! :)

      RispondiElimina
    9. Ooooooooh ti ho trovata! Ho visto che ti sei aggiunta tra i miei sostenitori (grazie di cuore) contraccambio con grande piacere ^_^ faccio una carrellata nel passato per vedere cosa mi sono persa...e prendo appunti!
      Buona giornata

      RispondiElimina
    10. Navigando il lungo e in largo tra i blog, sono finita qui nel tuo.
      Il tuo blog mi piace moltissimo: Le ricette, la grafica, tutti i contenuti interessanti.
      Mi sono aggiunta ai tuoi followers cosi non ti perdo più di vista.
      Se ti va, passa a trovarmi, sei la benvenuta.
      La magica Zucca

      RispondiElimina
    11. piacere di conoscerti!!!!complimenti per la ricetta e'uno spettacolo come del resto il tuo blog!!!!Buona vita e buona cucina e se hai voglia vienimi a trovare!!!!

      RispondiElimina
    12. @Sonia: ciaoooo!!! Ieri ho provato tantissime volte ad inserire un commento nel tuo blog per i tuoi brownies buonissimi ma senza successo!! Mi fa immenso piacere averti qui come mia sostenitrice :) A presto!!!
      @LaMagicaZucca: Ma grazieeeee!!! Che carina!! basta con i complimenti se no mi monto la testa! ^__^ passo subito a trovarti!!
      @Graal77: il piacere di conosceti è tutto mio :) Vengo subito da te! Grazie 1000 e buona vita e buona cucina anche a te! :D

      RispondiElimina
    13. Le pesche le conosco, buonissime :) devo mettermi alla ricerca della ricotta... Ciao Liz

      RispondiElimina
    14. Una proposta veramente deliziosa!!!! Bravissima, un bacione

      RispondiElimina
    15. @Liz: forse la ricotta la trovi in una salumeria ben fornita...
      @Lady Boheme: ^__^ grazie!

      RispondiElimina
    16. @cooksappe: è vero sono proprio strane queste pesche..però sono molto buone!!!
      @lerocherhotel e pips: grazie!! :)

      RispondiElimina
    17. bonjour!!! mi aggingo ai tuoi sostenitori!!!!! ora do un bel occhio a tutte le ricette! ciao

      RispondiElimina
    18. No no, il formaggio è buonissimo anche con altra frutta (ma questo al contadino non lo diciamo eh!). Soprattutto con queste peschette, le ADORO! Qui costano un'eresia ma ne vale la pena. Non oso immaginare che delizia il tuo dessert :D! Bacioni

      RispondiElimina
    19. Bellissima ricetta!!!! stupende anche le foto, complimenti!!!!

      RispondiElimina
    20. Questo dolce è splendido! CIAO SILVIA

      RispondiElimina
    21. deve essere buonissimo!!!ciao cara un abbraccio :)

      RispondiElimina

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

    Ultimi post: