mercoledì 25 luglio 2012

Il latte di mandorla, la ricetta per farlo a casa senza panetto

Questo post era programmato dopo altri, ma se è vero che un blog rispecchia molto la personalità di chi lo scrive è altrettanto vero che a volte non si riescono a trovare le parole. 
Ho bisogno di bianco, ho bisogno di vedere tutto luminoso e di sapere che tutto andrà sempre benissimo.
Non so spiegarvi quello che mi sta succedendo, così come non so spiegarlo a me stessa o a chi mi sta vicino, sicuramente il colpo finale è stato lo shock che ho avuto domenica quando la mia bambina, Chiara, la piccolapeste di questo blog, è svenuta all'improvviso mentre giocavamo in spiaggia. Ero sola, come al solito, con i due bambini e mi sono sentita veramente disperata. 
Il pediatra mi ha tranquillizzata e dopo una lunghissima visita ha sentenziato che si è trattato di una perdita improvvisa di sali minerali, ma i miei occhi e il mio cuore difficilmente riusciranno a cancellare quello che hanno visto e sentito. 
Lo so che tanti genitori disgraziatamente devono affrontare realtà inconcepibili, e che il cuore di una mamma deve essere forte, ma solo per questa volta perdonate il mio piccolo sfogo!



Per ottenere un buon latte di mandorla è preferibile utilizzare le mandorle fresche, le migliori sono quelle di qualità "pizzuta" di Avola, questo che sto per esporvi è il metodo classico con la "mungitura" a freddo ma ne esistono tantissimi altri in cui basta polverizzare le mandorle spellate e mescolarle con acqua e zucchero.




Le propietà di questa bevanda molto dissetante sono innumerevoli: fonte preziosissima di vitamina E, ricchissima di acido oleico (73% quantità paragonabile a quella contenuta in un pari campione di olio EVO 75% ), acidi grassi insaturi, magnesio e proteine vegetali come l'amandina, molto simile alle proteine della soya alle quali si riconoscono propietà ipocosterolemizzanti. Naturalmente attenzione perchè è anche molto calorico!


Ingredienti per 1 litro circa di latte di mandorla


  • 250g mandorle* non spellate (peso già sgusciate) meglio se qualità pizzuta di Avola
  • 1 litro di acqua fredda
  • la punta di cucchiaino di cannella in polvere
  • 100g zucchero

* se si vuole si possono aggiungere anche 2 mandorle amare



Procedimento

Prima di tutto sgusciare le mandorle. Quindi tuffarle in acqua bollente per eliminare la pellicina: bisogna tenerle nell'acqua per un paio di minuti, poi cercando di non ustionarsi le dita, spellarle premendo ogni mandorla tra pollice ed indice.


Asciugarle e tritarle finemente in un robot da cucina.

Ora non resta che metterle le mandorle tritate in una garza sottile o in un fazzoletto di lino, fare un fagottino, legarlo ed immergerlo in recipiente con l'acqua.

Lasciare in infusione per almeno 6 ore,  quindi passare alla "mungitura" : premere il fazzoletto con le mani ripetutamente e a lungo fino alla completa restituzione degli oli  delle mandorle. Ripetere l'operazione fino a quando non si ottiene un latte bianco con una certa densità.
Zuccherare a piacere, io ho messo 100g ma più il latte è dolce più risalta il sapore della mandorla e se si vuole aggiungere un pizzico di cannella.
Travasare in una bottiglia, preferibilmente di vetro e mettere in frigo.


Servire freddissimo!





Le mandorle tritate rimaste nel fagottino, non buttatele! Vanno messe in frigo e consumate entro un paio di giorni, magari in un dolcino come i muffin alle carote o in una preparazione salata come un polpettone, o tritate ancora più finemente insieme allo zucchero e aggiunte al latte di mandorla potete farci la granita!


Infine non poteva mancare una foto con la manina ladruncola di piccolapeste! :-)



per conservare il latte di mandorla ho "ri-utlizzato" le bottiglie in vetro del latte vaccino che compro per i miei bimbi, in perfetto stile friends of glass di cui sono diventata una fiera ambasciatrice, perchè la sua missione è quella di promuovere il riciclaggio degli imballaggi di vetro e vetro!
Per saperne di più, o se volete diventare anche voi ambasciatori, cliccate sull'immagine sotto!

19 commenti:

  1. che spavento! sono felice che si sia risolto tutto bene e ti posso capire benissimo. e poi lo sfogo ben venga, sennò a che serve un blog? complimenti come al solito x il post, sei davvero brava, non fai mai niente di banale e le foto sono molto belle.

    RispondiElimina
  2. Carissima lo sfogo è normale, vuol dire che sei una mamma molto attenta, quando si tratta di bambini bisogna stare molto attenti perchè in un attimo può succedere di tutto. In spiaggia io sono stata etichettata come la mamma ansiosa ma non mi interessa! Sspessi in questi giorni quante cose che si vedono di mamme senza un briciolo di sale in testa!!!! Comunque tornando alla ricetta FINALMENTE ho trovato la vera ricetta del latte di mandorle proprio come la facevano al paese di mia madre, pensa che vendevano soltanto un litro a testa perchè dicevano che andava a male presto e quindi era meglio tornare al bar il giorno dopo e riprenderlo apppena fatto!!!!!! Gli altri mettono l'albume ma a me fà un pò senso. Scusa le chiacchiere, ti auguto una buona serata e ti aspetto sul nostro blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariangela, nonostante io sia stata attentissima il fattaccio è avvenuto comunque :-/ anche io ne vedo di cotte e di crude! ;-) il latte di mandorle è buonissimo!! eh furbetti quelli del bar! In frigo si conserva bene per tre giorni e più (di più non so perchè non ho provato)Non conosco la versione con l'albume, ma credo che si utilizzi per fare il panetto da sciogliere poi in un secondo momento! ;-)
      Le tue "chiacchiere" sono sempre ben accette! Appena ho 5 minuti in più passo da te! baci!

      Elimina
  3. Che meraviglia Laura!!! Davvero una bellissima idea e quelle mandorle fresche sono uno spettacolo!!! Mi dispiace per lo spavento che ti sei presa e capisco benissimo come ti sei potuta sentire!!! Ti mando un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le mandorle fresche sono buonissime!!!! :-) :-)

      Elimina
  4. ciao Laura, mamma mia chissà che spavento, anch'io ho una bimba e posso immaginare...
    bello il latte di mandorle, mi piace molto
    un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Stefania! si questa volta mi sono spaventata da morire... passerà anche questa! ;-) baci!

      Elimina
  5. Capisco lo sfogo...io sarei morta... capita anche a me di andare sola al mare con i bimbi e tesoro se mi fossi trovata nella situazione di vedere la mia bimba svenire sarei rimasta sconvolta...è vero che dovremmo essere forti e ma la paura rimane per un pò ....ti confesso una cosa...quando il mio bimbo non aveva neppure un mese....camminando per strada...Rosa è scappata ed io nel girarmi per chiamarla... ho mollato la carrozzina...questa è scesa dal marciapiede e si è capovolta....Mi sono disperata!!!!!il bimbo è rimasto dentro protetto dalla copertura ma io ho pianto per una settimana per la paura
    Beviamoci un bicchiere di latte di mandorla daiiiiiiiiiii
    Un bacio Laura e uno grande ai bimbi
    e credimi... tutto sarà poi solo un ricordo
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Renata ma quanto dobbiamo essere forti noi mamme? sapessi quante ne avrei da raccontare! :-( ma si beviamoci il latte di mandorla! :-) :-)
      un bacione!

      Elimina
  6. Dai Laura, forza e coraggio! :D
    Un abbraccio enorme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) grazie Veru, anche se in confronto a te mi sento piccola piccola!

      Elimina
  7. Ciao Laura,
    immagino lo spavento e l'ansia e lo stato d'animo di questi giorni.
    Ti mando un abbraccio
    p.s. grazie per questa ricetta, è davvero molto utile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) grazie Vera questa ricetta ti verrà utile se vorrai gustare una buonissima granita! ;-)

      Elimina
  8. Laura, che spavento! Ma l'importante è che la piccola Chiaretta stia bene! Un bacione e un abbraccio fortissimo
    Sarah

    RispondiElimina
  9. Povera cucciola! Mi spiace e capisco il tuo stato d animo!
    Approfitto di questo commento x dirti che domenica scorsa è nata la mia piccola Bianca :) è bellissima!!
    Un abbraccio a te e ai tuoi bimbi!

    RispondiElimina
  10. CAvolo immagino che spavento!! Dai per fortuna tutto si è risolto. Un caro abbraccio. P.s. ma che bel post questa ricettina è fantastica!! Le cose home made sono le migliori!!

    RispondiElimina
  11. Si può fare anche partendo dalla farina di mandorle che si acquista già pronta ? Quelle che vedo in foto sono mandorle fresche , ma qui nelle marche non è facile trovarle . Trovo invece i sacchetti di farina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! :-)
      si credo che si possa fare, in pratica devi preparare il classico "panetto" che poi si scioglie in acqua: metti in un pentolino 150 g di acqua e 150g di zucchero porti a bollore, quindi spegni la fiamma e versi 150g di farina di mandorle, gira bene, poi diluisci con 1 - 1,5 litri di acqua. A presto! Laura

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ultimi post: