mercoledì 11 luglio 2012

Tahini, la pasta di sesamo home made

E' da tempi immemori che cercavo nei negozi  la tahini, la famosa pasta di sesamo usata nella cucina turca e medio orientale, ma non sono riuscita trovarla da nessuna parte.
Perciò quando mi sono imbattuta in quella meravigliosa fucina di idee che è pinterest nella ricetta per farlo a casa non ho resistito e mi sono lanciata!
La ricetta, se si può parlare di ricetta è semplicissima: basta frullare come se non ci fosse un domani i semi di sesamo appena tostati con olio di semi (la ricetta prevedeva olio di sesamo) ed il gioco è fatto. Questo è tutto!! O.O a saperlo prima!!! :-)
Questa pasta, dalla consistenza e dal sapore che ricorda moltissimo il burro di arachidi, è ricca di vitamina E, B, sali minerali come magnesio, silicio, fosforo, zinco e ferro per non parlare degli acidi grassi polinsaturi omega 6 (acido linoleico) e omega 3 (acido linolenico).
La sesamina e la sesamolina, contenute nei semi, abbassano il tasso di colesterolo (quello cattivo) nel sangue e sono utili nella prevenzione di malattie cardiovascolari. La sesamina inoltre funge da epatoprotettore.
Va comunque usata con moderazione dal momento che,
come tutti gli alimenti derivati dall'intero seme di una pianta, è molto calorica senza contare la quantità di olio aggiunto!


Emulsionando la pasta tahini con succo di limone e acqua si ottiene la tahina un'autentica maionese vegetale, ingrediente base per realizzare molte salse mediorientali o per accompagnare le carni kebab.

Ingredienti 
per 1 vasetto 

  • 100g semi di sesamo
  • 40 g olio di semi di girasole


Procedimento
Pesare i semi di sesamo e tostarli leggermente a fuoco basso in una padella antiaderente rigirando spesso con un cucchiaio di legno.
Passare i semi nel boccale del robot da cucina ed azionare le lame. Quando si sarà ottenuta una farina, aggiungere l'olio di semi di girasole a filo e continuare a frullare fino a quando non si sarà ottenuto un composto liscio e dalla consistenza un pò più fluida del burro di arachidi.

Trasferire la pasta di sesamo in un vasetto pulito ed asciutto e una volta raffreddata, va messa in frigorifero.
Si conserva per diverse settimane.




Note:
la fase più importante è la tostatura del sesamo, infatti bisogna soltanto riscaldarlo leggermente, se si scurisce troppo cambia sia il colore che il sapore che assume un retrogusto amaro.


Come si usa?
da Wikipedia

La pasta tahini viene utilizzata come condimento in numerose ricette: i Falafel, polpette di pasta di fave o ceci, usualmente accompagnando pomodori e cetrioli affettati, oppure per preparare l'hummus, crema di ceci tipica dei paesi arabi cui viene appunto mescolata. Si sposa bene anche con alcune carni, specie se il gusto viene stemperato da aglio e succo di limone.
Si trova anche come dolce, il torrone di Halva, preparato con aggiunta di mandorle e pistacchi.



28 commenti:

  1. ma dai! anche io la cerco da una vita... certo, un ostacolo resta: trovare i semi di sesamo! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. semi di sesamo li trovo al supermercato! ;-)

      Elimina
  2. Davvero interessante questa ricetta, la proverò al più presto ^__^! Solo una curiosità: una volta preparato il tahini, quanto tempo si conserva?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ci metti uno strato di olio in superficie, si conserva in frigo per diverse settimane, sul blog dove ho letto la ricetta parla di 2 mesi! ^_^

      Elimina
    2. io la metto in vasetti di vetro e le sterilizzo ,le conservo fuori frigor diversi mesi...

      Elimina
  3. ehehehehehe io la preparo spessissimo e metto il limone direttamente nella tahini anche se poi non preparo la maionese perché conferisce un sapore molto particolare. Se la provi sulle polpettine di legumi ti innamori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ieri l'ho emulsionata con il limone, con le polpettine di legumi proverò prossimamente!! senza pentola a pressione!! +_+'

      Elimina
    2. Anch'io lo devo fare,ho comprato una bustona di sesamo apposta! Intanto ci ho fatto il gomasio,e ho giusto postato ieri anch'io un elogio ai semi di sesamo proprio ieri! :D

      Elimina
    3. il gomasio!!!!!!!!!!!!!!! C'è una tipa qua in Irlanda che co 'sto gomasio ci sta facendo due benemerite 00 :D

      Elimina
    4. e mò c'ho la curiosità del gomasio!!! :-))

      Elimina
  4. Grazie di avermi dato la possibilità di realizzarla... le foto sono bellissime :)

    Buona giornata

    RispondiElimina
  5. Non la conoscevo proprio.....e adesso? Adesso voglio provarla anch'io ma dove si trovano i semi di sesamo?
    Un bacione Laura!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I semi di sesamo si trovano al supermercato, e credo che a Reggio non avrai difficoltà a trovarli anche al panificio! ;-)

      Elimina
  6. Non conoscevo questa preparazione ma dal momento che adoro il sesamo non mancherò di provarla! Bravissima come sempre Laura!

    RispondiElimina
  7. Il sesamo l'adoro ma non conoscevo questa salsa... la proverò sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io adoro il sesamo!! :-) provala e te ne innamorerai! :-)

      Elimina
  8. Oddio Laura ma sai che apprendo adesso di questo condimento.. grazie per la spiegazione dettagliata, gli step fotografati perfettamente... la terrò presente sicuramente.. tanti complimenti e un abbraccio:*

    RispondiElimina
  9. io ci ho provato diverse volte a farla in casa ma mi è venuta una ciofeca!
    La ta è perfetta, proprio della consistenza giusta: bravissima!

    Un saluto ammirato da NYC
    Dcf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao donna con Fuso! wow NYC!! che bello! :-) in effetti le prime volte era venuta male anche a me, basta scaldare appena appena il sesamo ed avere un buon frullatore! ;-)

      Elimina
  10. ciao Laura complimenti, bello il tuo blog. Mi piace tutto l'impostazione, la precisione delle ricette. Brava! :) Ti ho messo nei miei link

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania! grazie che bei complimenti!!! ^_^ benvenuta a bordo! a presto!

      Elimina
  11. Deliziosa, non la mangio dalla mia ultima vacanza nel Maghreb ! Grazie, adesso potrò ricreare l'atmosfera a Venezia (senza dromedari). Grazie ancora.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ultimi post: