domenica 5 giugno 2011

Le rocce dorate di Fiore

ovvero quenelles di cavolfiore al forno

Tanto tempo fa, in fondo al mare, proprio vicino allo scoglio della Canna dell'isola di Filicudi, nell'arcipelago Eoliano, viveva e di certo vive ancora un piccolo cavalluccio marino di nome Fiore...
Fiore non era un cavalluccio come tutti gli altri, infatti non solo era molto molto piccolo per la sua età, ma era anche di colore fucsia!! Si sa, i cavallucci marini sono di tanti colori: rossi, gialli,  ma fucsia...proprio no! E così il povero Fiore se ne stava solo solo perchè i suoi amichetti lo emarginavano e lo prendevano sempre in giro! Un giorno però mentre giocava vicino alla grotta del bue marino, si accorse che i suoi amici erano in pericolo: infatti dietro di loro si avvicinava la terribilie cubomedusa killer che li voleva acchiappare con i suoi lunghi tentacoli... Il piccolo Fiore, senza pensarci sù corse verso di loro per avvertirli, ma era troppo tardi e i suoi amici erano troppo lontano! Si accorse però, che sopra la cubomedusa c'erano delle rocce dorate che erano tenute in equilibrio da un solo piccolissimo sassolino!
Allora Fiore raccolse tutte le sue forze e riuscì a spostare il sassolino, facendo crollare le rocce sulla cattivissima cubomedusa! La malcapitata se ne scappò via dolorante e gli amichetti di Fiore, ancora sotto shock per il pericolo scampato, lo ringraziarono tantissimo per quello che aveva fatto per loro e lo raccontarono a tutti!
Da quel giorno, nessuno vide più che il cavalluccio marino era troppo piccolino o fucsia, ma tutti vedevano Fiore, il cavalluccio marino più coraggioso dell'arcipelago, che aveva sconfitto la terribile cubomedusa!


Ingredienti per c.a. 20 pz
  • 1 cavolfiore da 1 kg
  • 2 tuorli d'uovo
  • 60 g parmigiano grattugiato
  • 3 cucchiai colmi di farina 00
  • 3 cucchiai di pane grattugiato
  • olio EVO 
  • sale q.b.
  • prezzemolo



Procedimento:
Pulire e lavare il cavolfiore e metterlo a pezzetti nel cestello vapore della pentola a pressione. La cottura a vapore è preferibile perchè così il cavolfiore non assorbe troppa acqua, al di là del fatto che è più sana.
L'acqua nella pentola non deve superare il cestello, io per la mia pentola che è da 5 L metto circa 300 ml di acqua (1 bicchiere colmo + mezzo), aggiungere 1 cucchiaino di sale e chiudere il coperchio. Al fischio, abbassare la fiamma e cuocere per altri 6 minuti.
Quindi prendere i cavolfiori, aspettare che si raffreddino un pò, versarli in una ciotola e schiacciarli con un cucchiaio di legno, aggiungere poi la farina, il parmigiano, il pane grattugiato, i tuorli d'uovo e aggiustare di sale. Se l'impasto dovesse risultare troppo molliccio, potete aggiungere qualche altro cucchiaio di pangrattato. Ah! aggiungete il prezzemolo tritato! io oggi non l'avevo, ma va messo!! Argh...
Con due cucchiai fare delle quenelles e disporle sulla soltita placca foderata di carta forno!
Mettere nel forno bello caldo a 180-200 °C per circa 30 min girando a metà cottura.


Con questa ricetta partecipo al contest della banda dei broccoli : la banda occulta in collaborazione con il posto delle fragole

2 commenti:

  1. gnamgnamgnam! belli e buoni
    grazie per aver partecipato!
    p.s. si può partecipare con 2 ricette, quindi se ti va puoi ripartecipare ^_^

    RispondiElimina
  2. grazie a voi della banda! :) non avevo fatto caso che si può partecipare con 2 ricette... mi piace! :) a prestissimo!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ultimi post: